Disortografia

Uno dei disturbi specifici dell'apprendimento riguarda la difficoltà di acquisizione della competenza ortografica. Si tratta dell’incapacità di tradurre correttamente i suoni  che compongono le parole in simboli grafici.

Come riconoscere la disortografia?

Si manifesta con errori sistematici, cioè ricorrenti e riconducibili a categorie precise:

  • Confusione tra fonemi simili : difficoltà nel distinguere suoni quali: f-v, p-b, s-z, d-t.
  • Confusione tra grafemi simili: difficoltà nel riconoscere segni alfabetici simili nella forma quali: a-e, m-n, b-d, g-q.
  • Omissioni di parti di parola: ad esempio la doppia consonante, la vocale interna o la consonante intermedia.
  • Inversioni di suoni: ad esempio pantaloni diviene, ad esempio palantoni, semaforo diventa sefamoro…).
  • Uso scorretto delle regole ortografiche.
  • Lentezza nella produzione.
  • Uso di caratteri diversi all'interno della parola.
  • Problemi di doppie e/o accentazione.
  • Difficoltà nell'uso della punteggiatura.

Il bambino disortografico è uno studente che ha delle difficoltà sottostanti nell’imparare le regole ortografiche. La sua scrittura presenterà numerosi errori nella trascrizione anche se gli viene spiegata più volte la regola e se si sottopone a continui allenamenti.

Le problematiche legate alla scrittura possono insorgere in assenza di dislessia ma più frequentemente in associazione con il disturbo di lettura.

Gli esperti del Centro Esse Emme si occupano di valutazione, diagnosi DSA e trattamento. Chiedi informazioni!